Interventi nel Nord Italia

Per collaborazioni professionali scrivi a
Arch. Luca Sisti

Pannelli radianti e loro rendimento

I sistemi radianti, come il riscaldamento a pavimento radiante, possono offrire un elevato rendimento energetico grazie al loro principio di funzionamento. In un sistema radiante, il calore viene generato attraverso un elemento riscaldante (come un tubo o una resistenza) e poi trasferito direttamente alle superfici circostanti, senza l’intermediazione dell’aria. Ciò significa che il calore viene distribuito in modo uniforme all’interno dell’ambiente, riducendo così la necessità di riscaldare l’aria in modo intenso e costante, come avviene nei sistemi di riscaldamento ad aria.

Il riscaldamento a pavimento radiante in particolare, ha un rendimento elevato perché funziona a temperature relativamente basse rispetto ad altri sistemi di riscaldamento, come i radiatori. Questo significa che richiede meno energia per raggiungere la stessa temperatura interna dell’edificio, riducendo così i costi di riscaldamento. Inoltre, poiché il calore viene distribuito uniformemente attraverso il pavimento, è possibile ottenere una maggiore efficienza termica, riducendo gli sprechi di energia.

I sistemi radianti a pavimento hanno anche un vantaggio in termini di comfort, poiché il calore viene distribuito in modo uniforme all’interno dell’ambiente senza creare flussi d’aria o correnti fredde. Ciò significa che gli occupanti dell’edificio possono godere di un ambiente confortevole e salutare.

Pannelli radianti a pavimento (riscaldamento a pavimento)

Il rendimento del riscaldamento a pavimento dipende da diversi fattori, tra cui la temperatura dell’acqua di alimentazione, la temperatura ambiente, la distribuzione del calore all’interno dell’edificio e l’isolamento termico del pavimento.

In generale, il riscaldamento a pavimento ha un elevato rendimento perché funziona a temperature relativamente basse rispetto ad altri sistemi di riscaldamento, come i radiatori. Ciò significa che richiede meno energia per raggiungere la stessa temperatura interna dell’edificio, riducendo così i costi di riscaldamento.

Il rendimento del riscaldamento a pavimento dipende anche dal tipo di impianto utilizzato. Ad esempio, il riscaldamento a pavimento ad acqua calda è considerato più efficiente rispetto al riscaldamento a pavimento elettrico, in quanto richiede meno energia per generare la stessa quantità di calore.

Inoltre, il rendimento del riscaldamento a pavimento può essere migliorato con l’utilizzo di termostati programmabili, che consentono di regolare la temperatura in modo preciso e automatico a seconda delle esigenze dell’utente, riducendo così gli sprechi di energia.

Infine, l’isolamento termico del pavimento gioca un ruolo importante nel rendimento del riscaldamento a pavimento, poiché aiuta a ridurre la dispersione di calore verso il basso, aumentando così l’efficienza del sistema di riscaldamento.

In generale, il riscaldamento a pavimento può offrire un elevato rendimento energetico, ma la sua efficacia dipende dall’installazione corretta e dal corretto utilizzo del sistema.

Radiante a soffitto

Il riscaldamento radiante a soffitto è un sistema di riscaldamento che prevede l’installazione di pannelli radianti o tubi a serpentina posizionati a soffitto e collegati ad un impianto di riscaldamento. Il funzionamento del sistema si basa sul principio del calore radiante, ovvero la trasmissione del calore attraverso radiazione elettromagnetica.

In pratica, l’energia termica viene emessa dal pannello radiante o dai tubi a serpentina posti a soffitto e si irradia nell’ambiente circostante, riscaldando le superfici e gli oggetti presenti nella stanza. In questo modo, si crea una sensazione di comfort termico diffuso, poiché il calore viene distribuito in modo uniforme nell’ambiente senza creare flussi d’aria o correnti fredde.

Il riscaldamento radiante a soffitto presenta alcuni vantaggi rispetto ad altri sistemi di riscaldamento, come una distribuzione uniforme del calore, una maggiore flessibilità nella disposizione degli arredi, poiché non ci sono elementi radianti a pavimento che limitano la scelta del posizionamento degli arredi, e la possibilità di integrare il sistema con un sistema di raffreddamento a soffitto per la climatizzazione estiva.

Tuttavia, il riscaldamento radiante a soffitto richiede una temperatura di esercizio relativamente elevata per raggiungere una temperatura interna confortevole, il che può comportare un maggior dispendio energetico rispetto ad altri sistemi di riscaldamento a basse temperature. Inoltre, l’installazione del sistema può essere più complessa e costosa rispetto ad altri sistemi di riscaldamento.

In definitiva, la scelta del sistema di riscaldamento dipende dalle specifiche esigenze dell’edificio e dalle condizioni ambientali, e va valutata caso per caso in base alle caratteristiche dell’ambiente e alle preferenze degli occupanti.

La dimensione delle tubazioni

La sezione dei tubi nei sistemi radianti è un fattore importante che influisce sul rendimento del sistema. In generale, maggiore è la sezione dei tubi, maggiore sarà la portata di acqua e quindi la quantità di calore trasferito al pavimento o al soffitto radiante. Tuttavia, un aumento della sezione dei tubi comporta un aumento della resistenza idraulica del circuito, che a sua volta richiede una maggiore potenza della pompa di circolazione per mantenere la portata di acqua desiderata. Ciò comporta un aumento del consumo energetico del sistema e una riduzione del suo rendimento.

Per ottimizzare il rendimento del sistema radiante, è necessario selezionare la giusta sezione dei tubi in base alle specifiche esigenze dell’impianto e alle caratteristiche dell’edificio. In generale, la sezione dei tubi viene scelta in base alla potenza termica del sistema e alla lunghezza del circuito, tenendo conto delle perdite di carico e della portata di acqua richiesta per il trasferimento di calore desiderato.

Inoltre, il rendimento del sistema radiante dipende anche dalla corretta regolazione della temperatura dell’acqua di alimentazione in base alle esigenze di riscaldamento dell’ambiente e dalle condizioni climatiche esterne. Una corretta regolazione del sistema consente di ottenere un’efficienza energetica ottimale e di ridurre i costi di gestione del sistema.

In definitiva, la selezione della sezione dei tubi e la corretta regolazione del sistema sono fattori importanti per garantire un rendimento elevato e un funzionamento efficiente dei sistemi radianti a pavimento o a soffitto.

Temperatura di mandata

La temperatura di mandata dell’acqua nei sistemi radianti a pavimento e a soffitto dipende dalla tipologia di impianto e dalle specifiche esigenze di riscaldamento dell’ambiente.

In generale, nei sistemi radianti a pavimento, la temperatura di mandata dell’acqua è compresa tra i 25°C e i 45°C, a seconda delle condizioni climatiche esterne e delle caratteristiche dell’edificio. In condizioni di clima mite, è possibile utilizzare temperature di mandata più basse, mentre in presenza di temperature esterne più rigide, è necessario aumentare la temperatura dell’acqua per garantire un adeguato comfort termico all’interno dell’ambiente.

Per quanto riguarda i sistemi radianti a soffitto, la temperatura di mandata dell’acqua può variare in base alla tipologia di pannelli radianti utilizzati e alla loro posizione. In genere, la temperatura di mandata dell’acqua nei sistemi radianti a soffitto è più elevata rispetto a quelli a pavimento, e può oscillare tra i 35°C e i 55°C, a seconda delle esigenze di riscaldamento dell’ambiente e delle caratteristiche dell’impianto.

In entrambi i casi, è importante che la temperatura di mandata dell’acqua sia regolata in modo adeguato per garantire un funzionamento efficiente del sistema e ridurre i costi di gestione dell’impianto. Una corretta regolazione del sistema consente di ottimizzare il rendimento del sistema radiante e di ridurre il consumo energetico.

In conclusione

In sintesi, i sistemi radianti, come il riscaldamento a pavimento radiante, possono offrire un elevato rendimento energetico e un maggiore comfort rispetto ad altri sistemi di riscaldamento, come i radiatori o i sistemi ad aria. Tuttavia, la scelta del sistema di riscaldamento dipende dalle specifiche esigenze dell’edificio e dalle condizioni ambientali.

Condividi l'articolo

Articoli relativi