Interventi nel Nord Italia

Per collaborazioni professionali scrivi a
Arch. Luca Sisti

Isolamento Acustico: Guida Completa

L’isolamento acustico è fondamentale per il comfort e la tranquillità in qualsiasi ambiente, sia esso domestico, lavorativo o pubblico. In questo articolo, analizziamo i diversi aspetti di questa tematica, fornendo una guida completa per la scelta e l’utilizzo dei materiali isolanti.

Tipologie di Materiali:

Esistono due macro-categorie di materiali per l’isolamento acustico:

1. Fonoisolanti:

  • Impediscono la trasmissione del suono da un ambiente all’altro.
  • Materiali: lana di roccia, lana di vetro, sughero, pannelli in fibra di legno.
  • Applicazioni: pareti, solai, intercapedini.

2. Fonoassorbenti:

  • Assorbono le onde sonore all’interno di un ambiente, riducendo il riverbero.
  • Materiali: pannelli fonoassorbenti, schiume poliuretaniche, moquette, tende.
  • Applicazioni: soffitti, pareti, sale di registrazione, uffici open space.

La scelta del materiale:

La scelta del materiale isolante dipende da diversi fattori:

  • Tipologia di rumore da contrastare: rumori aerei (traffico, voci) o rumori da calpestio.
  • Destinazione d’uso dell’ambiente: abitazione, sala di registrazione, ufficio, luogo pubblico.
  • Caratteristiche dell’edificio: struttura, presenza di intercapedini.
  • Budget a disposizione: i materiali naturali tendono ad essere più costosi di quelli sintetici.

Esempi di applicazioni:

  • Pareti: controparete con materiale fonoisolante, pannelli fonoassorbenti a parete.
  • Solai: controsoffitto fonoisolante, massetto galleggiante per il calpestio.
  • Impianti: materassini flessibili o schiume isolanti per tubi e canalizzazioni.


L’isolamento acustico efficace richiede la comprensione di alcuni principi chiave per ottenere il massimo risultato. Ecco i punti salienti:

1. Integrità dell’Intercapedine:

  • Evitare di frazionare l’intercapedine: la suddivisione in sezioni riduce l’efficacia contro le basse frequenze. Preservare un’unica intercapedine ampia garantisce prestazioni migliori.

2. Ampiezza dell’Intercapedine:

  • Maggiore larghezza, migliore isolamento alle basse frequenze: sfruttare al massimo lo spazio disponibile per ottenere un abbattimento sonoro più efficace.

3. Posizionamento della Massa:

  • Aumentare la massa alle estremità della parete: utilizzare cartongesso e Sheetblok ai lati per incrementare l’isolamento acustico.
  • Evitare di inserire massa all’interno della controparete: posizionarla in questo modo riduce l’effetto fonoassorbente.

4. Fonoassorbimento:

  • Inserire un fonoassorbente all’interno dell’intercapedine: la lana di roccia è un materiale ideale per assorbire le onde sonore e migliorare l’acustica.

L’isolamento acustico efficacie si basa su integrità e ampiezza dell’intercapedine, posizionamento strategico della massa e utilizzo di fonoassorbenti. Seguendo questi principi e consultando esperti del settore, è possibile ottenere un ambiente confortevole e silenzioso.

Ricordo che questa è una panoramica generale e che la progettazione di un isolamento acustico efficace richiede la valutazione di vari fattori specifici del caso in esame.

Consigli:

  • Affidarsi a tecnici competenti per la progettazione acustica dell’intervento.
  • Combinare materiali fonoisolanti e fonoassorbenti per ottenere un risultato ottimale.
  • Prestare attenzione alla densità del materiale, che influenza le sue prestazioni.
  • Considerare l’utilizzo di materiali ecosostenibili e riciclabili.

In conclusione:

L’isolamento acustico rappresenta un investimento importante per migliorare la qualità della vita e il benessere in qualsiasi ambiente. Con la scelta dei materiali giusti e un’attenta progettazione, è possibile ottenere un risultato efficace e duraturo.

Condividi l'articolo

Articoli relativi