Interventi nel Nord Italia

Per collaborazioni professionali scrivi a
Arch. Luca Sisti

Crollo cantiere Esselunga Firenze: riassunto e approfondimenti

Cosa è successo:

  • Venerdì 16 febbraio, alle 8:52, una trave di 20 metri e 15 tonnellate è crollata nel cantiere di un nuovo supermercato Esselunga a Firenze.
  • La trave ha trascinato con sé i solai e le travi dei piani inferiori, uccidendo 4 operai e ferendone altri 3.
  • Un quinto operaio è ancora disperso.

Le possibili cause:

  • La trave era difettosa?
  • È stata progettata o realizzata male?
  • È stata posata male?
  • Il materiale era scadente?

Le indagini:

  • La Procura di Firenze ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo plurimo e crollo colposo.
  • I primi accertamenti si concentrano sulla Rdb Italprefabbricati, l’azienda che ha prodotto la trave.
  • Sequestrata la documentazione di Rdb e delle altre aziende coinvolte nel cantiere.
  • Al vaglio anche la posizione di eventuali lavoratori irregolari.

Punti da chiarire:

  • La trave era stata posizionata correttamente al momento del crollo?
  • C’erano irregolarità contrattuali o carenze di sicurezza nel cantiere?
  • Quali erano le mansioni specifiche dei singoli operai?

Domande aperte:

  • Quali responsabilità emergeranno dalle indagini?
  • Come si possono evitare tragedie simili in futuro?

Aggiornamenti:

  • Le ricerche del quinto operaio disperso continuano.
  • La Asl sta verificando le mansioni dei singoli operai.
  • I sindacati denunciano l’utilizzo di contratti non adeguati nel cantiere.

Informazione supplementare:

  • L’azienda Rdb Italprefabbricati ha dichiarato che la trave era stata consegnata in cantiere solo la mattina del crollo.
  • Il crollo ha sollevato dubbi sulla sicurezza dei cantieri e sulla gestione dei subappalti.
  • La tragedia ha acceso un faro sulle condizioni lavorative nel settore edile.

Fonti:

  • Articolo di riferimento
  • Altri articoli sul crollo del cantiere Esselunga a Firenze

Conclusione:

Le indagini sul crollo del cantiere Esselunga a Firenze sono ancora in corso. La tragedia ha provocato la morte di 4 operai e ha sollevato importanti questioni sulla sicurezza dei cantieri e sulla gestione dei subappalti. È fondamentale che le responsabilità vengano accertate e che vengano adottate misure per evitare che tragedie simili si ripetano in futuro.

Condividi l'articolo

Articoli relativi